Nel 2013 investiti 87 milioni per l’internazionalizzazione d’impresa

Si è tenuto a fine anno il VIII Forum delle Camere di Commercio italo-estere ed estere in Italia organizzato da Unioncamere. Un appuntamento che ha permesso di tracciare l’identikit delle Camere di commercio miste, italo-estere ed estere in Italia: una rete formata da 39 realtà associative imprenditoriali in rappresentanza di 65 paesi di tutti i continenti, con una base di circa 5.500 associati, oltre 10 milioni di euro di risorse gestite, frutto della vendita di servizi ai propri associati e a una platea di oltre 10 mila imprese nei paesi di riferimento e nessun contributo di natura pubblica. Un vero e proprio punto di riferimento per l’internazionalizzazione delle imprese italiane.

Nel 2013, infatti, il sistema camerale italiano ha complessivamente investito oltre 87 milioni di euro per favorire l’internazionalizzazione delle imprese, sia partecipando alle iniziative di sistema – definite in base alla programmazione della cabina di regia in accordo tra Governo, Regioni,  Ice-Agenzia,  Unioncamere, Abi, Confidustria, Rete Imprese Italia e Alleanza Cooperative- sia realizzando interventi a supporto di missioni imprenditoriali realizzate dalle Camere di commercio.

Le camere di commercio miste, italo-estere ed estere in Italia sono un punto di intermediazione importante per la nostra economia verso il resto del mondo, ancora più valido in questi anni di crisi in cui l’Italia sta reggendo soprattutto per merito delle performance delle imprese sui mercati internazionali – ha dichiarato il presidente di Unioncamere e della Sezione per le camere miste, Ferruccio Dardanello, all’apertura del Forum -. Oggi le camere miste sono realtà con differenti capacità operative e competenze professionali, in alcuni casi molto avanzate in altri ancora da sviluppare pienamente. Unioncamere, attraverso la sua Sezione, è impegnata a sostenere il dialogo tra i diversi punti di questo sistema, per renderlo sempre più omogeneo e integrato con la rete delle altre strutture camerali per l’internazionalizzazione e parte attiva del sistema di promozione dell’Italia nel mondo”.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnologie del Filo © 2017 Tutti i diritti riservati