Laboratori MECSPE Fabbrica Digitale, La via italiana per l’industria 4.0 Plastica e automotive

Il progetto “LABORATORI MECSPE FABBRICA DIGITALE, La via italiana per l’industria 4.0” è una roadmap che inizia nel 2017 e proseguirà negli anni con l’obiettivo di attraversare i territori strategici che stanno affrontando il percorso di adesione al Piano nazionale Industria 4.0.

Il Piano Calenda ha tracciato un cambio di marcia radicale nella visione del futuro competitivo dell’industria manifatturiera. Un processo da accompagnare valorizzando la visione e l’applicazione delle nostre PMI, per mettere a sistema best practice che rispondono alle specifiche esigenze del tessuto imprenditoriale italiano, che ha modelli organizzativi e di business molto differenti rispetto a nazioni, come ad esempio la Germania, che hanno già validato un piano nazionale.

Per raccontare il processo di trasformazione in atto delle nuove fabbriche e accompagnare le imprese nel percorso verso la digitalizzazione, dopo le prime tappe 2017 di Vicenza, Bari e Parma, i “LABORATORI MECSPE FABBRICA DIGITALE, La via italiana per l’industria 4.0” approfondiranno il connubio tra materiali innovativi e settori di applicazione e avranno come focus “Plastica e Automotive” (Modena, 9 ottobre), “Alluminio, leghe leggere e Meccanica generale” (Brescia, novembre), “Materiali, Compositi e Aerospazio” (Napoli, 5 febbraio).

La roadmap termina a Parma all’interno di MECSPE, con un dibattito sui temi della formazione e delle nuove figure professionali all’interno della fabbrica 4.0.

Oltre alle testimonianze di imprenditori e opinion leader, saranno approfonditi i dati territoriali e nazionali dell’Osservatorio MECSPE sulle analisi congiunturali e previsionali delle PMI appartenenti al mondo della meccanica specializzata, della plastica e della meccatronica, sia con produzione di prodotti propri sia in conto terzi, compresa quindi la filiera della subfornitura.

La Fiera MECSPE – punto di riferimento per il manifatturiero italiano, che si terrà a Fiere di Parma dal 22 al 24 marzo 2018 – ha individuato già nel 2013 in Fabbrica Digitale – Oltre l’automazione© un format capace di raccontare il percorso evolutivo che le PMI, il mondo delle eccellenze della meccanica e della subfornitura stanno affrontando nell’applicazione di tecnologie in continuo divenire: Robot collaborativi interconnessi e rapidamente programmabili; Stampanti in 3D connesse a software di sviluppo digitali; Realtà aumentata a supporto dei processi produttivi; Simulazione tra macchine interconnesse per ottimizzare i processi; Integrazione informazioni lungo la catena del valore dal fornitore al consumatore; Comunicazione multidirezionale tra processi produttivi e prodotti; Gestione di elevate quantità di dati su sistemi aperti; Sicurezza durante le operazioni in rete e su sistemi aperti e Analisi di un’ampia base dati per ottimizzare prodotti e processi produttivi.

Le aziende italiane, all’interno di mercati in continua trasformazione, stanno testando e applicando queste tecnologie abilitanti spesso secondo un processo up to top, un modello di trasformazione e una via italiana 4.0 che vede nell’anello della subfornitura di macchinari un elemento di forza. Questo è il motivo per cui MECSPE ha scelto da anni di mostrare in Fiera isole di lavorazione, processi e robot in piena attività.

LABORATORI MECSPE – Modena, 9 ottobre, Camera di Commercio. Saluti istituzionali a cura di: Tiziana Ferrari, Direttore generale CONFINDUSTRIA Emilia Area Centro, Alberto Papotti, Segretario generale CNA Modena, Carlo Alberto Rossi, Segretario generale LAPAM-CONFARTIGIANATO Imprese.

Presentazione dati dell’OSSERVATORIO MECSPE a cura di Gianluca Marchi, docente presso il Dipartimento di Economia “Marco Biagi” di UNIMORE (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia).
Gianluca Marchi è Professore Ordinario di Economia e Gestione delle Imprese presso l’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, insegna nei corsi di Strategy and Innovation ed Economia e gestione delle imprese del Dipartimento di Economia Marco Biagi. Ha effettuato vari studi nel campo della internazionalizzazione delle imprese e dell’innovazione nei settori industriali. Presso l’Università di Modena e Reggio Emilia ricopre attualmente la carica di Delegato del Rettore per la Terza Missione. E’ inoltre Commissario ad acta del Centro Linguistico di Ateneo e membro della Commissione Ricerca.

Relatori:
Stefano Capurro, Presidente TMP – ASSOCIAZIONE ITALIANA TECNICI MATERIE PLASTICHE.
TMP nasce nel 1979 con lo scopo di informare e aggiornare i tecnici del settore Materie Plastiche sui materiali, il loro impiego, lo sviluppo delle applicazioni e le nuove tecnologie, stimolando e favorendo la crescita professionale dei suoi soci. L’Associazione ha oggi assunto un ruolo guida fondamentale nel settore delle Materie Plastiche. Stefano Capurro è da oltre 30 anni nel campo degli elastomeri termoplastici, ha consolidato una vasta esperienza livello globale. Appassionato sviluppatore di mercati e applicazioni, oggi è responsabile Vendite e Marketing TPE e TPU Italia in seno al gruppo multinazionale RAVAGO.

Franco Cevolini, CEO GRUPPO CRP
Nato a Modena nel 1972, Franco Cevolini si laurea in Ingegneria dei Materiali all’Università di Modena e Reggio Emilia. Nel 1996 entra a far parte dell’azienda di famiglia, impegnata nelle lavorazioni meccaniche di alta precisione per il settore motorsport. Contestualmente viene fondata CRP Technology e si inizia ad investigare negli Stati Uniti la tecnologia della stampa 3D. CRP Technology negli anni ’90 rappresenta una della prime realtà imprenditoriali in Italia e in Europa ad utilizzare la tecnologia della sinterizzazione selettiva a mezzo laser. Nel 2005 Franco Cevolini mette a punto Windform® XT, il primo materiale al mondo a base poliammidica caricato a fibra di carbonio per la stampa 3D professionale. Nel corso degli anni vengono declinate diverse versioni di Windform che andranno ad arricchire la famiglia di materiali caricati a fibra di carbonio o vetro.

Emanuele Buscaglione, CEO GRUPPO SOAG EUROPE
Emanuele Buscaglione, laurea in Business & Economics all’Università di Torino. Prima dell’ingresso nel mondo automotive è stato alla guida di alcune aziende nel mondo della Digital Economy, fino a portare una di queste a quotarsi sul mercato AIM della Borsa di Londra. La passione per la tecnologia e l’innovazione è sempre stata nel suo DNA fin da quando da adolescente iniziò a collaborare per Apple. Questo gli ha consentito di trasferire in settori maturi nuovi paradigmi organizzativi fino a guidare il gruppo Soag a diventare una delle realtà industriali nel settore della trasformazione delle materie plastiche più avanti nell’applicazione di nuove tecnologie quali la Fabbrica 4.0 o la robotica collaborativa, che trasformeranno le prospettive di mercato e gli approcci organizzativi aziendali. Il gruppo Soag opera nei settori Automotive, Home Appliance e Food & Beverage nella progettazione e realizzazione di prodotti in materiale plastico e gomma, con una presenza in 11 Paesi nell’area Emea e potendo contare su 1500 dipendenti e 4 centri di R&D.

Ivano Parmigiani, CEO STAMPOTECNICA Srl e Presidente GMP GRUPPO GOMMA MATERIE PLASTICHE UNINDUSTRIA REGGIO EMILIA
Socio e Amministratore Delegato di STAMPOTECNICA Srl,in cui opera da più di 35 anni. Fondata nel 1969, STAMPOTECNICA è specializzata nella progettazione e costruzione stampi, stampaggio ad iniezione di tecnopolimeri termoplastici, progettazione e realizzazione di componenti pneumatici, progettazione e realizzazione di prodotti speciali, con principale settore di sbocco l’automotive. Dal 2014 Parmigiani è Presidente del Gruppo merceologico Gomma Materie Plastiche (GMP) di Unindustria Reggio Emilia e dal 2015 Membro del Consiglio Generale di Unindustria Reggio Emilia.

Andrea Morandi, CEO MODELLERIA MODENESE
Modelleria Modenese nasce nel 1961 e fin dal suo debutto i suoi clienti sono stati nomi importanti che hanno fatto di Modena il polo della meccanica (Ferrari , Maserati , Fiat Trattori etc.). Nel corso degli anni l’azienda si è sviluppata convertendo il suo core business da semplice fornitore di modelli di carrozzeria e fonderia a fornitore di prototipi a 360°. Andrea Morandi è in azienda quando aveva 17 anni. Partito come semplice operatore macchine utensili, è cresciuto assieme all’azienda fino a diventarne uno dei soci. Al momento si occupa dello sviluppo delle nuove tecnologie, della produzione e della qualità.

Moderatrice: Laura La Posta, giornalista Il Sole 24 Ore.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnologie del Filo © 2017 Tutti i diritti riservati