Filo: Italia e Germania a confronto

Duesseldorf, DEU. 08.04.2014. Halle 15. 2.500 Aussteller auf 108.000 Quadratmetern in 15 Messehallen: wire 2014 und Tube 2014 zeigen vom 7. bis 11. April geballte Technologiepower auf dem Duesseldorfer Messegelaende. | 2.500 exhibitors on 108.000 square metres an 15 exhibition halls: wire 2014 and Tube 2014 present their latest innovations at Duesseldorf fairgrounds. Foto: Constanze Tillmann, Exploitation right Messe Duesseldorf, M e s s e p l a t z, D-40474 D u e s s e l d o r f, www.messe-duesseldorf.de; eine h o n o r a r f r e i e Nutzung des Bildes ist nur fuer journalistische Berichterstattung, bei vollstaendiger Namensnennung des Urhebers gem. Par. 13 UrhG (Foto: Messe Duesseldorf / ctillmann) und Beleg moeglich; Verwendung ausserhalb journalistischer Zwecke nur nach schriftlicher Vereinbarung mit dem Urheber; soweit nicht ausdruecklich vermerkt werden keine Persoenlichkeits-, Eigentums-, Kunst- oder Markenrechte eingeraeumt. Die Einholung dieser Rechte obliegt dem Nutzer; Jede Weitergabe des Bildes an Dritte ohne Genehmigung ist untersagt | Any usage and publication only for editorial use, commercial use and advertising only after agreement; unless otherwise stated: no Model release, property release or other third party rights available; royalty free only with mandatory credit: photo by Messe Duesseldorf]

L’industria tricolore della trasformazione del filo e del cavo metallico si avvicina al mercato della Germania. È quanto emerso dallo studio condotto da The European House – Ambrosetti che ha confrontato il settore delle macchine speciali italiane con quello tedesco.

Il risultato è che su alcuni comparti, come quello del filo a cemento armato precompresso utilizzato per ponti e viadotti, l’Italia supera la Germania, rendendo il settore delle macchine per il filo uno dei fiori all’occhiello del made in Italy. Non solo, perché alla supremazia nel campo della produzione del filo per cemento armato, si aggiunge quella nel settore dei prodotti ferrosi che vede l’Italia primeggiare nei confronti della Germania nei mercati dell’Est Europa, nei Paesi del Sudamerica, in Indonesia e in Thailandia.

Dunque, risultati positivi nonostante le sostanziali differenze che si riscontrano tra i due Paesi. Infatti, secondo la citata ricerca The European House – Ambrosetti, la realtà tedesca è costituita in larga parte da medie e grandi imprese che registrano un fatturato di 78 miliardi, mentre l’Italia vanta un tessuto di piccole e medie imprese, concentrate soprattutto in Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna, che fatturano oltre 1,2 miliardi di euro ed esportano circa l’80% della produzione.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnologie del Filo © 2018 Tutti i diritti riservati