Il segreto di un successo

Dal 1989 Chainflex è sinonimo di cavi particolarmente resistenti, progettati per essere impiegati in componenti di macchine e di sistemi automatizzati in costante movimento. Un fattore determinante per il successo dei cavi Chainflex è certamente rappresentato dalle sistematiche serie di test che Igus effettua da circa venti anni nel suo laboratorio interno. Come racconta Rainer Rössel, responsabile dell’area di attività del settore Chainflex: “Gli sforzi da noi fatti con il laboratorio Chainflex sono volti a degli obiettivi diversi quanto chiari: da una parte ci consentono di studiare continuamente nuovi metodi di fabbricazione che ci aiutino ad ottimizzare i costi di produzione, dall’altra ci permettono di lavorare permanentemente al miglioramento dei materiali per assicurare un’interazione ancora migliore tra catena portacavi e cavi stessi. In più c’è spazio anche per una varietà di test specifici sull’ applicazione“.

Attualmente sui 1.750 m2 del laboratorio sono in corso più di 700 test e vengono generati circa un milione di record dati di misurazione elettrica all’anno. Tra gli ultimissimi prodotti sottoposti ad un’approfondita fase di check, ci sono tre cavi CAT6A, meccanicamente diversi ma uguali a livello elettrico, destinati all’impiego in applicazioni in movimento continuo. La famiglia Bus CFBUS.xxx.050 CAT6A comprende elementi Bus a cordatura ottimizzata e schermatura a coppie. La speciale schermatura totale Chainflexgarantisce, anche dopo milioni di cicli, un effetto protettivo durevole.

Numerosi materiali da guaina testati e ottimizzati per le catene portacavi completano poi il prodotto. I vantaggi per il cliente sono evidenti: alla igus non c’è un cavo unico, costretto a svolgere ogni compito meccanico, ma tre opzioni diverse, anche in chiave economica, che consentono di scegliere tra PVC, PUR e TPE quali materiali per la guaina esterna. Il cliente potrà quindi valutare in autonomia la soluzione in grado di soddisfare pienamente i suoi requisiti in merito a quantità di cicli, resistenza ai fluidi di esercizio e alla temperatura.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnologie del Filo © 2017 Tutti i diritti riservati