Fibre ottiche dual core

Tra le nuove funzioni delle fibre dual-core, il controllo del tempo di propagazione dei segnali luminosi: avvicinando opportunamente i due core si ha un “delaying”, o buffering, dei dati trasportati dalla luce, funzione essenziale in caso di contemporaneità di flussi di dati multipli a un router

Le fibre ottiche trasportano dati ad alta velocità sotto forma di segnali luminosi, permettendo il trasferimento e la fruizione di informazioni, filmati, musica, ma le necessarie funzioni di switching, routing e buffering dei dati dipendono da componenti elettronici che sono relativamente lenti, in confronto alle prestazioni delle fibre.

Per ovviare a questo inconveniente, i ricercatori dell’Università di Southampton, in Inghilterra, hanno studiato un nuovo tipo di fibra ottica dual-core, quindi con doppio core di silicio al suo interno, denominata “nanomechanical fiber”, che si è rilevata in grado di svolgere, con l’applicazione di una limitatissima pressione meccanica, le stesse funzioni della componentistica elettronica.

La struttura interna del core è stata infatti concepita per essere dinamica e in grado di attuare precisi movimenti meccanici con cui è possibile sfruttare in modo innovativo alcune delle proprietà fondamentali della luce, conferendo alla fibra nuove funzionalità. In sintesi, i due core sono tra loro distanziati di circa 1 micron, il che comporta un accoppiamento ottico.

Leggi l’articolo nella versione integrale sulla rivista digitale

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Tecnologie del Filo © 2017 Tutti i diritti riservati